21 Ottobre 2019
[]

news
percorso: Home > news > News Generiche

OBBLIGO DI CONSERVARE GLI ATTESTATI DELLA FORMAZIONE IN CAPO AL DATORE DI LAVORO

08-10-2014 11:09 - News Generiche
Con la Sentenza 9 settembre 2014 n. 37312, la Quarta Sezione Penale della Suprema Corte ha affermato che i datori di lavoro ai sensi dell´art. 37 D.Lgs.81/08 devono "ottemperare all´obbligo di formazione dei dipendenti e devono conservare in azienda la attestazione della avvenuta formazione"

Nella fattispecie, un datore di lavoro "è stato chiamato a rispondere, davanti al Tribunale di Belluno del reato ex art. 55 co. 5 lett. c), d.Lvo 81/08, in relazione all´art. 37 co. 1 stesso decreto, perché,quale titolare della R. Srl non aveva provveduto ad assicurare una formazione sufficiente ed adeguata in materia di salute e sicurezza sul lavoro in relazione alla mansione di boscaiolo svolta dall´infortunato E.V., con le specifiche misure prevenzionistiche, tipiche del settore boschivo."

Il datore di lavoro, condannato dal Tribunale, ricorre in Cassazione, lamentando, tra i vari motivi di ricorso, la "non necessità della prova scritta da parte del datore di lavoro della avvenuta formazione del lavoratore fino al 2011".

La Cassazione rigetta il ricorso ed afferma la necessità che tale prova scritta venga fornita dal datore di lavoro.

Secondo la Suprema Corte, infatti, "è il R. che doveva fornire la prova sulla formazione del V. per i seguenti motivi:
- i datori di lavoro sono tenuti, ex artt. 37 (disposizione che ha sostituito l´art. 22, co. 1, d.lvo 626/94 ) e 55, co. 5, d.Lvo 81/08, ad ottemperare all´obbligo di formazione dei dipendenti, e devono conservare in azienda la attestazione della avvenuta formazione, secondo il dettato di cui al decreto ministeriale del 16/1/1997, richiamato implicitamente dall´allegato A), punto 10 dell´Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011.
- la mancata produzione da parte del R. della relativa documentazione non è giustificata."
Poi, prosegue la Corte, "del pari, non è fondata la tesi sostenuta dallo stesso imputato, secondo cui la avvenuta formazione, all´epoca del fatto, poteva essere anche dimostrata verbalmente dal datore di lavoro, in quanto il co. 2 dell´art. 37 del citato decreto rimette alla conferenza tra Stato e Regioni la determinazione della durata, dei contenuti minimi e delle modalità della formazione che il responsabile è tenuto a dare al lavoratore, accordo tra Stato e Regioni stipulato solo nel 2011.

La compiuta lettura della normativa in materia, però, consente di rilevare che:
- il d.lvo 81/08, all´art. 37 co. 2 rimette all´accordo Stato-Regioni le modalità, come detto, di regolamentazione della formazione del soggetto lavoratore-dipendente;
- l´allegato A), punto 10 dell´accordo Stato-Regioni del dicembre 2011, richiama implicitamente il d.M. 16/1/1997 e i contratti collettivi di lavoro quanto alla formazione obbligatoria del lavoratore e alle relative modalità di esecuzione, laddove dispone che ´"in fase di prima applicazione non sono tenuti a frequentare i corsi di formazione di cui ai punti 4, 5 e 6 i lavoratori, i dirigenti e i preposti che abbiano frequentato corsi di formazione formalmente e documentalmente approvati alla data di entrata in vigore del presente accordo, rispettosi delle previsioni normative e delle indicazioni previste nei contratti collettivi di lavoro per quanto riguarda durata, contenuti e modalità di svolgimento dei corsi."

Sentenza

Cassazione Penale, Sez. 4, 09 settembre 2014, n. 37312 - Mansione di boscaiolo e mancata formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro

Fatto

G.R. è stato chiamato a rispondere, davanti al Tribunale di Belluno del reato ex art. 55 co. 5 lett. c), d.Lvo 81/08, in relazione all´art. 37 co. 1 stesso decreto, perché, quale titolare della R.L. srl non aveva provveduto ad assicurare una formazione sufficiente ed adeguata in materia di salute e sicurezza sul lavoro in relazione alla mansione di boscaiolo svolta dall´infortunato E.V., con le specifiche misure prevenzionistiche, tipiche del settore boschivo.

Il Tribunale, riconosciuta la responsabilità dell´imputato per il reato ad esso contestato, condannava lo stesso alla pena ritenuta di giustizia.

Propone ricorso per cassazione la difesa del R. con i seguenti motivi:

- violazione degli artt. 27, co. 2 Cost., 192 e 533 cod.proc.pen., non potendosi ascrivere all´imputato l´onere di provare la propria innocenza, in quanto è l´accusa che deve fornire la prova della colpevolezza del prevenuto;

- vizio di motivazione in relazione alla ritenuta sussistenza di emergenze istruttorie atte a suffragare la tesi dell´accusa e, quindi, a riconoscere la colpevolezza dell´imputato;

- violazione di legge sostanziale in punto di non necessità della prova scritta da parte del datore di lavoro della avvenuta formazione del lavoratore fino al 2011;

- vizio di motivazione con riferimento all´art. 31, d.Lvo 81/08, norma inconferente ed estranea al capo di imputazione;

Diritto

Il ricorso è inammissibile.

Il vaglio di legittimità, a cui è stata sottoposta l´impugnata pronuncia, consente di ritenere logica e corretta la argomentazione motivazionale, adottata dal decidente, in ordine alla sussistenza del reato contestato e alla ascrivibilità di esso in capo al prevenuto.

Il primo motivo di annullamento è del tutto destituito di fondamento, rilevato che è il R. che doveva fornire la prova sulla formazione del V. per i seguenti motivi:

- i datori di lavoro sono tenuti, ex artt. 37 (disposizione che ha sostituito l´art. 22, co. 1, d.lvo 626/94 ) e 55, co. 5, d.Lvo 81/08, ad ottemperare all´obbligo di formazione dei dipendenti, e devono conservare in azienda la attestazione della avvenuta formazione, secondo il dettato di cui al decreto ministeriale del 16/1/1997, richiamato implicitamente dall´allegato A), punto 10 dell´Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011.

- la mancata produzione da parte del R. della relativa documentazione non è giustificata.

Del pari, non è fondata la tesi sostenuta dallo stesso imputato, secondo cui la avvenuta formazione, all´epoca del fatto, poteva essere anche dimostrata verbalmente dal datore di lavoro, in quanto il co. 2 dell´art. 37 del citato decreto rimette alla conferenza tra Stato e Regioni la determinazione della durata, dei contenuti minimi e delle modalità della formazione che il responsabile è tenuto a dare al lavoratore, accordo tra Stato e Regioni stipulato solo nel 2011.

La compiuta lettura della normativa in materia, però, consente di rilevare che:

- il d.lvo 81/08, all´art. 37 co. 2 rimette all´accordo Stato-Regioni le modalità, come detto, di regolamentazione della formazione del soggetto lavoratore-dipendente;

- l´allegato A), punto 10 dell´accordo Stato-Regioni del dicembre 2011, richiama implicitamente il d.M. 16/1/1997 e i contratti collettivi di lavoro quanto alla formazione obbligatoria del lavoratore e alle relative modalità di esecuzione, laddove dispone che ´"in fase di prima applicazione non sono tenuti a frequentare i corsi di formazione di cui ai punti 4, 5 e 6 i lavoratori, i dirigenti e i preposti che abbiano frequentato corsi di formazione formalmente e documentalmente approvati alla data di entrata in vigore del presente accordo, rispettosi delle previsioni normative e delle indicazioni previste nei contratti collettivi di lavoro per quanto riguarda durata, contenuti e modalità di svolgimento dei corsi. Conseguentemente, il datore di lavoro deve provare di avere ottemperato all´obbligo in questione, in quanto tenuto a compilare un documento sulla formazione del lavoratore, contenente i riferimenti anagrafici di costui, le ore di formazione dedicate ai rischi, la data della formazione medesima.

Il contestato richiamo all´art. 31, fatto dal decidente, anche a considerarsi errato, risulta inconferente ai fini del decidere sulla responsabilità del R.

Le emergenze istruttorie hanno consentito al giudice di merito di rilevare l´assoluto difetto di preparazione formativa del lavoratore alla attività alla quale era stato destinato, conseguenza del mancato rispetto del dettato normativo in materia.

Tenuto conto, di poi, della sentenza del 13/6/2000, n. 186, della Corte Costituzionale, e rilevato che non sussistono elementi per ritenere che il R. abbia proposto il ricorso senza versare in colpa nella determinazione della causa di inammissibilità, lo stesso deve, a norma dell´art. 616 cod.proc.pen., essere condannato al pagamento di una somma, in favore della Cassa delle Ammende, equitativamente fissata, in ragione dei motivi dedotti, nella misura di euro 1.000,00.

Fonte: IFC SYSTEM

Sito realizzato da www.planimetrie.net
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy
Privacy Policy per i visitatori del sito
La presente Privacy Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione del sito attualmente reperibile all´indirizzo http://www.marcopecoraro.it in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori che lo consultano.
Si tratta di un´informativa che è resa anche ai sensi dell´art. 13 del D. Lgs 196/03 - Codice in materia di protezione dei dati personali - a coloro che si collegano al suddetto sito.
L´informativa è resa da Studio Tecnico Dott. Ing. Marco Pecoraro solo per il portale sopra menzionato e non anche per altri siti web o sezioni/pagine/spazi di titolarità di Terzi - eventualmente consultati dall´utente tramite appositi link - dovendo l´informativa essere resa da questi ultimi.
Studio Tecnico Dott. Ing. Marco Pecoraro garantisce il rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs 196/03). Gli utenti/visitatori dovranno leggere attentamente la presente Privacy Policy prima di inoltrare qualsiasi tipo di informazione personale e/o compilare qualunque modulo elettronico presente sul sito stesso.
Qualora agli utenti/visitatori sia richiesto, per accedere a determinati servizi, di conferire propri dati personali, sarà previamente rilasciata, nelle pagine relative ai singoli servizi, apposita e dettagliata Informativa sul relativo trattamento ai sensi dell´art. 13 del D.Lgs 196/03 specificherà limiti, finalità e modalità del trattamento stesso.

Tipologia di dati trattati e finalità del trattamento
Dati di navigazione: I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito acquisiscono automaticamente, nel normale esercizio, alcuni dati personali che vengono poi trasmessi implicitamente nell´uso dei protocolli di comunicazione Internet.
Si tratta di informazioni che per loro natura potrebbero, mediante associazioni ed elaborazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti/visitatori (ad es. indirizzo IP, nomi di domini dei computer utilizzati dagli utenti/visitatori che si collegano al sito, ecc.).
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni di tipo statistico (quindi sono anonimi) e per controllare il corretto funzionamento del sito. Vengono cancellati subito dopo l´elaborazione.
I dati sui contatti web non vengono conservati, comunque, per più di sette giorni salvo eventuali accertamenti di reati informatici ai danni del sito. Nessun dato derivante dal servizio web verrà comunicato o diffuso, salvo che per adempiere agli obblighi previsti da leggi, regolamenti o normative comunitarie.
Dati forniti volontariamente dagli utenti/visitatori: Qualora gli utenti/visitatori collegandosi a questo sito inviino propri dati personali per accedere a determinati servizi, ovvero, per effettuare richieste via posta elettronica, si avrà l´acquisizione di tali dati da parte di Studio Tecnico Dott. Ing. Marco Pecoraro e/o dei terzi unitamente ai quali Studio Tecnico Dott. Ing. Marco Pecoraro potrebbe fornire il servizio richiesto dall´utente/visitatore; tali dati verranno trattati esclusivamente per rispondere alla richiesta, ovvero per la fornitura del servizio in conformità con la presente Policy e le specifiche Informative privacy fornite in fase di adesione ai singoli servizi. I dati personali espressamente conferiti dagli utenti/visitatori verranno comunicati a terzi solo nel caso in cui la comunicazione sia necessaria per ottemperare alle richieste degli utenti/visitatori medesimi, fermo restando quanto previsto nelle Informative specifiche dei singoli servizi.
Cookies: Il presente portale utilizza cookies o marcatori, che, tecnicamente, sono pacchetti di informazioni inviate da un web server (in questo caso, dal presente sito) al browser Internet del visitatore/utente e da quest´ultimo memorizzati automaticamente sul personal computer. Quindi per una perfetta fruizione del presente sito, si consiglia di configurare il browser in modo che accetti la ricezione dei cookie.
Informiamo che di default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookies. I visitatori/utenti possono comunque modificare la configurazione predefinita, che con Internet Explorer versione 6.0, è quella media, e disabilitare i cookie (cioè bloccarli in via definitiva), impostando, nella scheda "Privacy" (raggiungibile selezionando, dal menu "Strumenti", la voce "Opzioni Internet") il livello di protezione oppure cancellare (o eliminare) i cookie dal personal computer, selezionando, sempre dalla voce "Opzioni Internet" del menù "Strumenti", la scheda "Generale" e cliccando sul pulsante . Come sopra precisato, la disabilitazione o la cancellazione dei cookies però potrebbe precludere la fruizione ottimale di alcune aree del sito o compromettere l´utilizzo dei servizi sotto autenticazione.
Se gli utenti/visitatori vogliono decidere di volta in volta se accettare o meno i cookie, possono anche configurare il proprio browser affinché generi un avviso ogni volta che viene salvato un cookie.
I cookie utilizzati in questo sito sono sia persistenti (rimangono cioè memorizzati, fino alla loro scadenza, sul disco rigido del personal computer dell´utente/visitatore) che di sessione (non vengono cioè memorizzati in modo persistente sul computer dell´utente/visitatore e svaniscono con la chiusura del browser).
Cookie persistenti vengono usati al solo fine di agevolare la navigazione all´interno del sito e la sua corretta fruizione, per facilitare l´accesso ai servizi che richiedono l´autenticazione (evitando che gli utenti debbano reinserire le credenziali di autenticazione ad ogni accesso ai servizi), per una gestione ottimale degli spazi pubblicitari, nonché a fini statistici, per conoscere quali aree del sito sono state visitate.
I cookie di sessione sono utilizzati al solo fine di trasmettere gli identificativi di sessione necessari per consentire l´esplorazione sicura ed efficiente del sito. I cookie di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti/visitatori e vengono impiegati anche per migliorare l´erogazione dei servizi.
Inoltre, i cookie posso essere propri del sito (utilizzati, ad esempio, per conoscere il numero di pagine visitate all´interno del sito stesso) oppure di terze parti (ovvero generati da altri siti per erogare contenuto sul sito che si sta visitando). Il presente sito utilizza cookie di terze parti al fine gestire in modalità dinamica ed evoluta l´erogazione di messaggi pubblicitari. I browser più diffusi prevedono la possibilità di bloccare esclusivamente i cookies di terze parti, accettando solo quelli propri del sito. Inoltre, alcune società che generano cookies su siti terzi, offrono la possibilità di disattivare e/o inibire in modo semplice e immediato solo i propri cookies, anche quando questi sono anonimi, ovvero non comportano la registrazione di dati personali identificativi (quali, a titolo esemplificativo, l´indirizzo IP), nel rispetto di quanto prescritto da Network Advertising Initiative.

Modalità del trattamento
ll trattamento viene effettuato attraverso strumenti automatizzati (ad es. utilizzando procedure e supporti elettronici) e/o manualmente per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per i quali i dati sono stati raccolti e, comunque, in conformità alle disposizioni normative vigenti in materia.

Facoltatività del conferimento dei dati
A parte quanto specificato per i dati di navigazione, gli utenti/visitatori sono liberi di fornire i propri dati personali. Il loro mancato conferimento può comportare unicamente l´impossibilità di ottenere quanto richiesto.

Titolare, Responsabili e categorie di Incaricati
Il Titolare del trattamento è Studio Tecnico Dott. Ing. Marco Pecoraro - con sede in via M. Capozzi, 30 - 83100 AVELLINO. All´interno della Società i dati che la riguardano saranno trattati dai dipendenti in qualità di Incaricati sotto la diretta autorità del rispettivo Responsabile del trattamento. Oltre che dai dipendenti di Studio Tecnico Dott. Ing. Marco Pecoraro, il trattamento dei dati personali potrà essere effettuato anche da soggetti terzi, ai quali l´azienda affida talune attività (o parte di esse) connesse o strumentali allo svolgimento dei trattamenti o all´erogazione dei servizi offerti. In tale evenienza gli stessi soggetti opereranno in qualità di titolari autonomi, cotitolari, o verranno nominati Responsabili o incaricati del trattamento.

Diritti degli interessati
I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell´esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l´origine, verificarne l´esattezza o chiederne l´integrazione o l´aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 del D.Lgs 196/03).
Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.
È possibile esercitare i diritti previsti dall´art.7 del D.Lgs.196/03 rivolgendosi al Responsabile del trattamento di riferimento tra quelli riportati nell´elenco di cui al precedente paragrafo, oppure inviando una e-mail all´indirizzo info@almargroup.it.

La presente privacy policy può subire modifiche nel tempo - anche connesse all´eventuale entrata in vigore di nuove normative di settore, all´aggiornamento o erogazione di nuovi servizi ovvero ad intervenute innovazioni tecnologiche - per cui l´utente/visitatore è invitato a consultare periodicamente questa pagina.
torna indietro leggi Privacy  obbligatorio